Fatturazione elettronica: prepararsi per tempo per evitare le multe

A partire dal 1° gennaio 2019 la fatturazione elettronica diventerà una realtà diffusa anche nel nostro Paese. Entro tale termine infatti per aziende e privati entrerà in vigore l’obbligo di utilizzare la fattura elettronica in ogni situazione. Ad oggi tale obbligo vige solo per le aziende che devono fatturare verso la Pubblica Amministrazione.

Le multe
Insieme con l’obbligo di utilizzare la fattura elettronica ovviamente sono già state delineate le sanzioni per coloro che non utilizzeranno il documento in formato idoneo. Chi, dal 1° gennaio 2019, dovesse continuare ad emettere fatture in formato cartaceo, evitando di inviarne una copia elettronica tramite il sistema di interscambio, incorrerà in una sanzione pari ad una cifra che va dal 90% al 180% dell’imposta relativa all’imponibile che non è stato documentato in modo corretto, secondo la legge. Tale sanzione invece va da 250 a 2.000 euro nel caso in cui il tributo sia stato comunque correttamente liquidato. In pratica la legislazione considera il mancato utilizzo del nuovo strumento come una mancata fatturazione, un’omissione di documentazione.

Per il primo anno
Si deve comunque considerare che da più parti si sta parlando delle varie problematiche che interesseranno l’avio dell’utilizzo della fattura elettronica. Per molte aziende, soprattutto quelle di ridotte dimensioni, introdurre un nuovo modo di fatturazione può essere un compito arduo da eseguire. Per questo motivo i legislatori, consci delle problematiche che si attueranno, hanno dichiarato che in caso di invio della fattura elettronica in leggero ritardo rispetto all’effettiva transazione di beni o servizi non ci sarà alcun tipo di sanzione. In pratica sarà possibile utilizzare la fattura elettronica entro un periodo di tempo di qualche giorno, indicato come minimo ritardo, senza che questo provochi alcun tipo di violazione punibile, sempre che tale ritardo non pregiudichi la corretta liquidazione delle imposte.

Come prepararsi alla fatturazione elettronica
Visto che la fatturazione elettronica interesserà un’ampia fetta delle aziende oggi operanti nel nostro Paese, conviene a tutti cominciare subito ad utilizzare tale strumento. Per altro il sistema di interscambio e i servizi necessari alla fatturazione elettronica realizzati dall’Agenzia delle Entrate sono già perfettamente funzionanti. Una qualsiasi azienda potrà quindi cominciare sin da subito ad utilizzare strumenti adatti a creare fatture in formato XML, sfruttando programmi come Agyo fatturazione di Team System. Si tratta infatti di strumenti molto facili da utilizzare, che portano a notevoli vantaggi per tutti coloro che li utilizzano. Le fatture infatti potranno essere compilate in tempi minimi, inviate al cliente tramite il sistema di interscambio e salvate sul cloud o sul server aziendale, risparmiando ovviamente lo spazio oggi dedicato a questa pratica.

Fattura elettronica non per tutti
Conviene comunque ricordare che nelle ultime settimane si parla di limitare l’obbligo della fatturazione elettronica solo ad alcune tipologie di aziende, evitandolo ad esempio a chi sceglie il regime dei minimi. Nonostante questo, una volta a regime la fatturazione elettronica risulta uno strumento pratico e comodo, in qualsiasi transazione, cosa su cui conviene fare qualche valutazione prima di decidere di non utilizzarla.