Follonica: le cose da visitare e non perdersi

Follonica è una città balneare che ogni anno viene scelta da moltissimi turisti che trascorrono qui le loro vacanze estive. Follonica non offre solo bellissime spiagge ma permette di visitare numerosi luoghi importanti, anche da un punto di vista storico e culturale. In questo articolo vogliamo darvi alcuni consigli su cosa vedere a Follonica, se non siete interessati unicamente al mare e alle spiagge.

Prima vogliamo fare un piccolo appunto su dove alloggiare. Quando si va in vacanza, questo è uno dei problemi più ricorrenti perché spesso non si sa dove andare. Possiamo dire che ci sono molte agenzie immobiliare Follonica davvero valide, perfette se state cercando un appartamento in affitto. Altrimenti si può alloggiare in uno dei vari alberghi, residence, camping o bed and breakfast della zona.

Passiamo ora all’argomento che più ci interessa in questa sede: cosa vedere a Follonica. Iniziamo subito con la Chiesa di San Leopoldo, uno dei simboli della città. L’edificio venne realizzano tra il 1836 e il 1838 e fu progettata dall’architetto Alessandro Manetti. La particolarità di questa chiesa è che la sua facciata è stata realizzata con un frontone in ghisa. La ghisa è presente anche all’interno della chiesa sotto forma di arredi vari e decorazioni di ogni tipo.

Un altro monumento che vale la pena visitare sono i ruderi dell’antico castello di Valli, o di Valle. Nell’800’ questo era la residenza ufficiale estiva dei vescovi della città di Lucca. Poi passò in mano a diversi proprietari importanti come l’abbazia di Sestinga, i pisani, la famiglia Aldobrandeschi, la signoria degli Appiani per finire poi in mano al Granducato di Toscana. Purtroppo dell’antico castello rimangono ormai solo ruderi, di cui l’antica torre e la cinta di mura.

Il Palazzo Granducale è un altro bellissimo esempio di architettura. Fu costruito nel 1845 come residenza del Granduca Leopoldo II. L’interno è affrescato e meravigliosamente decorato. Inoltre, questo ospita la famosa vasca da bagno che Napoleone Bonaparte fece realizzare come regalo per sua sorella Elisa Bonaparte, che diventò appunto granduchessa di Toscana.

Consigliamo di fare una visita anche all’area ex ILVA. Questa si trova nel centro di Follonica ed è composta da tutti gli stabilimenti che un tempo facevano parte della fonderia dell’ILVA, che ormai non è più attiva. Il complesso era nato a partire dal 1546 e la fusione del ferro diventò un’attività importantissima per la città. Qui possiamo trovare il Museo delle Arti in Ghisa della Maremma e la porta di acceso al Parco Tecnologico Archeologico.