La rivoluzione-evoluzione della lavanderia a gettoni

Le lavanderie a gettoni sono realtà che esistono da diversi anni, e sono particolarmente diffuse negli Stati Uniti; in Italia, al contrario, stanno prendendo piede solo negli ultimi tempi, ma rappresentano un’alternativa molto conveniente.

La lavatrice in casa: uno strumento (presto) obsoleto
La lavatrice è di sicuro un elettrodomestico che non manca nelle case italiane. Le massaie, che per molti anni sono state costrette a lavare gli indumenti a mano nel periodo del dopoguerra, hanno tirato un sospiro di sollievo quando grazie alla crescita economica hanno potuto inserire in casa propria questo strumento, insegnando poi alle proprie figlie (e anche ai propri figli) ad usarlo.
Oggi, però, conviene ancora possedere una lavatrice? È vero che possedere una lavatrice permette di detergere i propri capi in ogni momento, ma porta con sé anche alcuni aspetti poco convenienti. Innanzitutto, nonostante le classi di risparmio energetico (soprattutto A, A+ e A++), la lavatrice consuma parecchia corrente elettrica, il che si traduce non solo in un aumento del prezzo della bolletta, ma anche in un incremento degli sprechi (con il conseguente impatto sull’ambiente). Inoltre, le lavatrici moderne – sempre più innovative dal punto di vista tecnologico – sono sempre più costose e, in caso di danneggiamento di uno dei componenti, richiedono costi di riparazione piuttosto elevati. Valutando i pro e i contro, e ponendo l’attenzione sulle alternative esistenti, si può asserire con la quasi assoluta certezza che le lavatrici diventeranno obsolete.

L’alternativa ecologica ed economica
Come sarà possibile lavare i propri capi se le lavatrici verranno sempre meno utilizzate in futuro (soprattutto da chi vive da solo)? In Italia si sta rapidamente diffondendo un servizio che è già ampiamente utilizzato negli USA: quello delle lavanderie a gettoni.
La lavanderia a gettoni non è altro che un locale in cui è possibile installare una serie di lavatrici automatiche, in grado di erogare autonomamente detersivo e ammorbidente, e di asciugatrici (molto spesso assenti nelle case, per motivi puramente economici), tutte collegate a un impianto elettrico. Il cliente, dunque, può usufruire del servizio semplicemente recandosi nel locale, pagando il prezzo del lavaggio e avviando la pulizia. La comodità sta anche nel fatto che durante il processo è possibile svolgere altre attività. Alcune lavanderie self, inoltre, offrono la possibilità di acquistare dosi precise di detersivi e ammorbidenti, scegliendo tra una vasta gamma, in base ai propri gusti.

Perché aprire una lavanderia a gettoni
La lavanderia a gettoni (qui maggiori informazioni), essendo un servizio molto comodo e in rapida diffusione, può essere un’attività che può garantire ottimi profitti. Oltretutto, non richiede un impegno eccessivo da parte del proprietario, il quale dovrà soltanto assicurarsi di far sì che tutti i macchinari funzionino a dovere. Se si possiede un locale, è possibile adibirlo a lavanderia self semplicemente chiedendo il supporto di alcune aziende, che permettono di installare impianti adeguati alle dimensioni dell’area a propria disposizione. Una volta che i macchinari sono stati collegati all’impianto della corrente e dell’acqua, c’è poco altro da fare.
Per chi desidera differenziarsi, dunque, la lavanderia a gettoni può risultare un’attività proficua e unica; non bisogna poi dimenticare che questo sistema potrebbe diventare parte integrante del futuro, anche grazie al risparmio energetico di cui può essere responsabile.