Lunghe Degenze Domestiche: Come farsi assistere dalla ASL e Ottenere Detrazioni Fiscali

Ridotta mobilità, difficoltà motorie e disabilità possono essere causa di lunghe degenze a letto. Nelle strutture ospedaliere e nei centri specialistici i presidi ortopedici ed antidecubito garantiscono il comfort e soprattutto la sicurezza dei degenti, attraverso l’utilizzo di prodotti certificati e la presenza di personale sanitario specializzato nel trattamento e nella risoluzione di problematiche legate all’immobilità temporanea o permanente. Ma cosa bisogna fare per avere un letto ortopedico direttamente a casa?

Come richiedere gli ausili ortopedici alla Asl

Il sistema sanitario nazionale, tramite le ASL territoriali, fornisce letti ortopedici ai pazienti anziani ed invalidi che ne fanno richiesta. Ma quali sono i passi da compiere per fare richiesta di un ausilio ortopedico a casa propria?

Innanzi tutto occorre recarsi dal proprio medico curante per farsi rilasciare una richiesta di visita fisiatrica a domicilio. Una volta ottenuta la richiesta bisogna recarsi presso la ASL di competenza per pagare il ticket sanitario regionale dovuto per la prestazione. A questo punto la richiesta passa sotto la competenza dell’azienda sanitaria locale e in particolare del settore assistenza protesico, che si occupa della fornitura di presidi protesici come busti, plantari, carrozzine per disabili e letti antidecubito, oltre che di presidi per l’incontinenza e materiali per la medicazione. L’incaricato ASL effettua a questo punto la visita domiciliare, che deve essere fissata tramite prenotazione. Una volta constatata l’idoneità del paziente alla fornitura dell’ausilio, l’incaricato prescrive la fornitura dell’ausilio più adatto. A questo punto è necessario mettere in comunicazione il servizio sanitario nazionale con l’azienda convenzionata attraverso la richiesta di un preventivo di spesa, che poi deve essere presentato alla ASL di competenza che deve autorizzare la fornitura. Infine, previa autorizzazione dell’azienda sanitaria locale, l’azienda fornitrice dell’ausilio provvede alla consegna del materiale. L’ausilio ortopedico in questione, ad esempio il letto antidecubito, deve infine essere collaudato dal fisiatra incaricato, che si deve assicurare della qualità del prodotto e dell’idoneità rispetto alle esigenze del paziente.

Il materiale sanitario, quando non è più utile al paziente per motivi che possono essere numerosi), deve essere restituito, in modo che possa essere disponibile per altri pazienti o per altri scopi. La ASL in questo caso si servirà di una ditta incaricata esterna, che si farà carico del ritiro direttamente a casa.

Acquisto letto ortopedico e detrazione fiscale

E se invece di richiederlo alla Asl, decideste di acquistare il letto per disabili? Nessun problema, anche in questo caso ci sono delle agevolazioni, a prescindere dall’azienda di prodotti sanitari dalla quale scegliete di acquistare. L’agenzia delle Entrate riconosce in effetti particolari agevolazioni fiscali alle persone con disabilità, soprattutto per l’acquisto di ausili. L’imposta sul valore aggiunto è agevolata al 4% per tutti quegli ausili tecnici necessari al miglioramento delle condizioni della persona che abbia difficoltà motorie o di deambulazione. Rientrano in questa categoria i prodotti rivolti a coloro che hanno deficit permanenti di tipo funzionale: pannoloni per incontinenza, materassi antidecubito, letti ortopedici, cuscini per antidecubito, sedie da comodo. Oltre all’agevolazione dell’IVA, i disabili possono beneficiare anche della detrazione dell’Irpef pari al 19% delle spese sostenute per l’acquisto dell’ausilio.

Tutte le agevolazioni fiscali sono richiedibili da coloro che hanno una minorazione fisica, psichica o sensoriale e presentano quindi una condizione di disabilità. Queste persone sono tutelate dalla legge 104 del 1992, che ne attesta le condizioni oggettive e di conseguenza permette loro l’accesso a tutte le agevolazioni. Per ottenere i benefici previsti dalla legge 104 è necessaria un’attestazione dello stato di disabilità, tramite richiesta di accertamento inoltrata alla ASL.

Caratteristiche del letto antidecubito per anziani

Il letto per anziani è un ausilio ortopedico in grado di rendere più confortevole la vita di tutte quelle persone che per problemi gravi di mobilità sono impossibilitate ad alzarsi. In questi casi un normale letto diventa controindicato, in quanto non può soddisfare le esigenze di sostegno, comodità e movimentazione del paziente. A seguito di lunghe degenze infatti si può verificare l’insorgenza di problemi al livello circolatorio e cutaneo, oltre ad un generale indebolimento dei muscoli che presiedono il movimento di deambulazione.

Per prevenire l’insorgenza di questi rischi il normale letto deve essere sostituito dal letto da degenza, attrezzato con un materasso antidecubito che possa garantire una migliore ossigenazione del sangue. Il letto per disabili è inoltre provvisto di snodi di movimento indipendenti, attivati elettricamente o manualmente a seconda dei modelli, che consentono alla persona di alzare ed inclinare separatamente diverse zone del corpo. I modelli di letto antidecubito più comuni hanno di solito 3 sezioni, che consentono movimenti indipendenti della zona delle gambe, di quella del tronco e di quella della testa.

Il letto da degenza può essere inoltre munito di sponde anticaduta, in modo da garantire la totale sicurezza del paziente in caso di scivolamento. Altra caratteristica di vitale importanza in caso di degenza continuativa è la presenza di ruote piroettanti, che permettono di spostare completamente il letto in una zona diversa della casa e possono fare la differenza in caso di emergenza.