Rassodare i glutei: esercizi da fare (e da non fare)

Le donne ci tengono molto ad avere dei glutei sempre perfetti e a prova di sguardo, e questo ovviamente comporta anche avere una certa costanza nell’allenarsi e nel mantenersi più in forma possibile.

Per poter avere sempre dei glutei perfetti è necessario fare sport, ma anche fare sport adeguatamente. Non basta correre o fare esercizio per poter sfoggiare un lato B da urlo, bisogna anche cercare di mantenere sempre allenato il lato B facendo esercizi ad hoc, pensati per poter allenare in maniera specifica i glutei.

Quali sono i problemi riscontrati più facilmente per chi si allena e cerca di mantenere il fondoschiena sempre ben tornito? In generale si fanno troppe poche ripetizioni, con pochi carichi, mentre invece i glutei necessitano di un certo carico che va dal 60% all’80% per un esperto. Oppure capita che gli esercizi eseguiti siano sbagliati, o siano troppo pochi rispetto al grado di allenamento richiesto. Bisogna comprendere che non basta andare in palestra per ottenere i risultati, ma bisogna anche cercare di fare palestra nel modo migliore possibile, vale a dire facendo esercizi ad hoc che impegnano la zona dei glutei. Qualche consiglio è possibile prenderlo direttamente dagli esperti che si occupano di allenare le persone che vogliono perdere peso e tonificare i glutei, come ad esempio sul sito di questo personal trainer online con base a Roma. Per il resto, ecco qualche consiglio utile su quali sono i migliori esercizi da fare per tonificare il fondoschiena e quali invece da evitare.

I migliori esercizi per i glutei

Per poter rassodare i glutei è necessario eseguire qualche specifico esercizio tecnico che serve per rinforzare questa zona del corpo. Ad esempio:

  • l’affondo con i manubri. Si tratta di un classico ed efficace esercizio da fare per rassodare i glutei che è caratterizzato dalla grande estensione dell’anca. L’intensità dell’esercizio, perché porti frutto, deve essere abbastanza alta e le ripetizioni devono essere fra le 8 e le 12 per avere dei buoni risultati.
  • Salita sul cubo. Un classico esercizio che consente di mantenere i glutei sempre alti e sodi. Si tratta di un esercizio da fare gradualmente: l’altezza del cubo deve essere proporzionata al grado di allenamento e si possono usare anche manubri e bilancieri.
  • I balzi. I balzi sono esercizi di buona qualità che aiutano a mantenere il fondo schiena ben tonificato. Si può anche usare una fascia lombare per evitare problemi a schiena e ginocchia.

Gli esercizi da evitare per i glutei

Molti degli esercizi che fanno di moda in palestra non sono esattamente ideali per avere un fondoschiena ben tornito. O meglio, non sono sempre sufficienti. Gli squat sono ottimi esercizi ma se non sono ben eseguiti non sono certamente utili per poter ottenere dei glutei perfetti e tonici.

Allenarsi con i sovraccarichi è utile per ottenere dei glutei tondi e marmorei? La risposta è: sì, ma non bisogna pensare che semplicemente indossando o portando carichi si possa ottenere un risultato. Nella donna, poi, l’ingrandimento della massa muscolare è più difficile che nell’uomo per motivi prettamente fisiologici e genetici, quindi gli esercizi devono essere giusti ed eseguiti molto bene, ma anche gradualmente. Aumentare i carichi non è sufficiente e non è indispensabile per poter avere il massimo dagli esercizi. Ad esempio applicare sovraccarichi di pochi kg e fare esercizi come flessione dietro la coscia, senza piedi a contatto col suolo, non serve a molto in termini di allenamento del muscolo. Fra gli errori più comuni quando si fanno esercizi per i glutei, non mantenere la schiena eretta e sovraccaricarla troppo: questo non fa lavorare bene i muscoli, che dovrebbero essere invece sempre ben contratti.