Una piscina idromassaggio: la terapia a casa vostra 

Tutti conoscono quali sono i benefici dell’idromassaggio, che si prende cura della nostra pelle e del nostro benessere. Non è quindi raro che si sogni di avere, magari in casa, una bella piscina idromassaggio dove potersi liberamente rilassare. Un piccolo accessorio di benessere, per poter curare lo stress e per potersi immergere quando si vuole.

Una piscina idromassaggio è come un piccolo centro benessere in casa propria, e nonostante le dimensioni ridotte, possono comunque offrire gli stessi confort che potreste trovare in un centro benessere o alle terme: i benefici dell’idroterapia a casa vostra possono diventare realtà, sfruttando una piscina idromassaggio.

Ma come si sceglie la soluzione giusta per voi? Quali sono i costi e come si procede all’installazione?

Se non sapete come orientarvi nella scelta di una piscina idromassaggio che faccia davvero al caso vostro, vogliamo darvi qualche consiglio utile nella scelta.

 Cosa scegliere, piscina o vasca?

La prima questione è: cosa scegliere, una piscina idromassaggio o una vasca? La differenza consiste nell’impianto di filtrazione. Ad esempio, le piscine idromassaggio non devono essere svuotate ad ogni uso. Questo perché l’acqua viene continuamente filtrata e pulita, come avviene con le piscine tradizionali. Invece le vasche idromassaggio hanno bisogno di essere continuamente svuotate ad ogni uso, perché non hanno alcun sistema di filtraggio.

Insomma, se dovete scegliere fra una piscina idromassaggio e una vasca dovete tenere conto di questo dettaglio: una piscina idromassaggio vi permette di risparmiare più acqua in quanto non ha certamente il problema dello svuotamento dell’acqua e questo comporta un certo risparmio.

La piscina idromassaggio in genere ha un consumo ridotto (massimo 2Kw, come un elettrodomestico) e il ricircolo dell’acqua consuma circa 100 watt.

 Scelta della piscina idromassaggio

Esistono tanti tipi di piscina idromassaggio, ad esempio ci sono le chaise longue ergonomiche, che sono dotate di poggiatesta e di poggiabraccia, e quelle sedute.

La piscina idromassaggio può avere tante funzioni di massaggio diverse, che possono variare a seconda della postazione. Il sistema di massaggio è dato appunto dall’acqua che viene gestita per mezzo di un sistema di pressione che crea le caratteristiche bolle massaggianti.

La piscina idromassaggio autoportante è quel modello che può essere posto su ogni superficie piana, non solo all’aperto ma anche in zone interne, non richiede opere di muratura e possono essere spostate. Devon essere collegate alla rete elettrica e non c’è alcun allaccio al circuito idraulico esterno. Sono in genere fatte di materiale acrilico, perché più resistente ai batteri ed alle muffe, è pensata per resistere agli agenti atmosferici ed anche agli sbalzi di temperatura.

Il modello di piscina idromassaggio da incasso invece va sistemata in un vano interrato, ed ovviamente sono anche più costose perché hanno bisogno di interventi murari, e dell’allacciamento idrico ed elettrico.

Alla piscina idromassaggio può essere aggiunta una copertura isolante, che fa in modo di non sprecare energia: ogni modello è fornito da una copertura differente che spesso viene fornita con la vasca o come optional aggiuntivo.

 Costi piscina idromassaggio: quali sono?

Ma quanto costa una piscina idromassaggio, quale è l’indicazione media del suo prezzo? Per farsi un’idea del costo della piscina idromassaggio, possiamo dirvi che indicativamente una piscina idromassaggio costa dai 650 ai 990 euro a seconda della grandezza del modello, delle persone che può ospitare e dal numero di getti d’aria che ovviamente crea l’effetto massaggiante.

Le vasche idromassaggio da esterne che possono essere incassate e che sono dotate di diversi confort, come sedute e lettini con poggiatesta, o sistemi di aromaterapia o di cromoterapia, hanno un costo che va da 5mila a 18mila euro circa, ovviamente a seconda del modello.