Weekend a Napoli: cosa non perdersi nella città partenopea

Il meglio da visitare in un weekend a Napoli: guida ai posti imperdibili del capoluogo partenopeo.

Napoli si conferma una delle mete più amate del turismo italiano e anche internazionale. La città è apprezzata non solo per le bellezze naturali ma anche per la storia, i monumenti il buon cibo e quello spirito frizzante e allegro che trasuda ovunque. Se si ha a disposizione solo un weekend per visitare la città, occorre però fare un’attenta cernita delle cose che si intende vedere perché Napoli è ricchissima di attrazioni e non basterebbe una settimana per vederla tutta, e bene. Ecco, allora, una piccola guida di quello che non si può perdere nella città di Partenope se si soggiorna solo per un weekend a Napoli.

COSA VEDERE A NAPOLI

Di cose da vedere a Napoli ce ne sono talmente tante che è molto complesso fare una cernita delle migliori. La storia millenaria di questa città che ha vissuto anche tante dominazioni diverse ha lasciato dei segni tangibili che permettono al turista di fare un vero e proprio tuffo nel passato. Per una Napoli insolita, però, sicuramente sono da non perdere queste attrazioni:

  • il Cristo Velato, una bellissima scultura di marmo candido che si trova a Cappella San Severo e palpita come un corpo pulsante;
  • la Napoli Sotterranea, un viaggio alla scoperta del sottosuolo partenopeo nei secoli utilizzato come rifugio, abitazione, luogo di culto;
  • il Tunnel Borbonico, chilometri e chilometri del vecchio acquedotto romano con cisterne ancora piene e zone utilizzate come rifugio anti-aereo durante la Seconda Guerra Mondiale;
  • il Cimitero delle Fontanelle, con un antichissimo ossario.

COSA MANGIARE A NAPOLI

Napoli è sicuramente la capitale della pizza ma non manca una ricca offerta di piatti tipici della cucina tradizionale partenopea che non si possono proprio perdere. Indipendentemente da quelli che sono i vostri gusti in fatto di cibo, ecco una piccola selezione di quello che dovete assolutamente assaggiare:

  • la pizza margherita, fumante e buonissima. Potete mangiarla “a portafoglio” nella zona di Port’Alba oppure seduti a tavola in una delle pizzerie migliori per qualità e prezzo come Da Michele oppure Di Matteo;
  • la pasta e patate “azzeccata”. E’ un piatto tipico napoletano, realizzato con pasta e patate e spesso arricchita di parmigiano e provola e passata al forno. La migliore è quella della trattoria Da Nennella nei Quartieri Spagnoli;
  • la sfogliatella calda calda. Le migliori si possono assaggiare nelle pasticceria di fronte alla stazione centrale;
  • il babà al rhum. Non puoi dire di essere stato a Napoli se non ne hai assaggiato almeno uno. Non c’è che l’imbarazzo della scelta nelle tante pasticcerie del centro storico;
  • il fiocco di neve di Poppella, una piccola brioche dolce farcita con crema di latte e ricotta. Si può trovare nell’omonima pasticceria della Sanità.

Tanti sono i luoghi indicati e può sembrare difficile visitarli tutti in un solo weekend a Napoli, infatti, è doveroso fare due precisazioni:

  • Se non riuscirete a visitare tutto: sarà un motivo per tornarci;
  • Se siete riusciti a visitare tutto: ci sarà comunque un motivo per tornare… per visitare il resto!