Come curare e prevenire i dolori articolari

I dolori articolari sono sintomo di numerose condizioni patologiche e non. In qualche caso, il disturbo è il risultato di un semplice affaticamento o di infezioni dovuti ad esempio al virus influenzale; altre volte, questa manifestazione è la conseguenza di patologie a carico dell’articolazione stessa, delle strutture ossee o di legamenti, tendini, borse o parti molli circostanti.

Il dolore articolare può essere irradiato anche da una condizione neuropatica o da una patologia in un’altra articolazione.

Tra le cause più comuni rientrano traumi, artrite, fibromialgia, tendinite, gotta, artrosi e borsite. I dolori si possono manifestare con gonfiore, arrossamento, calore, rigidità articolare e perdita di funzionalità a carico dell’articolazione interessata.

Il dolore alle articolazioni può avere una durata transitoria e risolversi spontaneamente. Tuttavia, se questo sintomo è persistente e particolarmente grave, è sempre meglio consultare un medico, in modo da ottenere una diagnosi precisa. A seconda della causa scatenante dei dolori articolari, sarà indicato poi un trattamento mirato con prodotti specifici ad azione antinfiammatoria come Dicloreum in cerotti usato per trattare il dolore e l’infiammazione delle articolazioni.

Cause dei dolori articolari

Il dolore articolare può avere diverse origini:

  • Origine traumatica: quando il dolore si manifesta dopo un incidente, una caduta oppure un urto o un impatto a carico dell’articolazione. Ad esempio in caso di distorsioni, lussazioni, stiramenti o strappi muscolari.
  • Origine infiammatoria: quando il dolore deriva da un’infiammazione di parte di un’articolazione. Quando è interessata l’intera articolazione si parla di artrite infiammatoria, mentre se l’infiammazione colpisce i tendini si parla di tendinite.
  • Origine meccanica: quando il dolore deriva da una malformazione o da usura dovuta all’invecchiamento, come ad esempio nel caso dell’osteoartrite. L’osteoartrite, che inizia a manifestarsi in genere dopo i 50 anni di età e colpisce in modo particolare spalle, gomiti, polsi, mani, anche, ginocchia e piedi, è anch’essa una delle più diffuse cause di dolore articolare.
  • Origine infettiva: quando il dolore è associato a un virus (ad esempio il virus influenzale o il Chikungunya).
  • Depositi di cristalli: quando il dolore è causato dal deposito di urato di sodio nelle articolazioni, come nel caso della gotta.

In tutti i casi, se il dolore è accompagnato da gonfiore o rossore, se peggiora e persiste e in modo particolare se a questi sintomi si aggiunge la febbre, è opportuno consultare urgentemente un medico.

Sintomi dei dolori articolari

Il dolore alle articolazioni si associa, in genere, a modificazioni di volume, colore e temperatura in corrispondenza dell’articolazione coinvolta, che diviene gonfia, arrossata e calda. Inoltre, vi può essere o meno accumulo di liquido all’interno dell’articolazione (versamento articolare). La presenza di altri sintomi associati dipende dalle cause scatenanti.

Il dolore alle articolazioni può rivelarsi particolarmente fastidioso, oltre a provocare un peggioramento significativo nella qualità della vita, in termini di alterazione nel processo deambulatorio e compromissione nello svolgimento delle normali attività quotidiane.

In base all’eziologia, oltre alla sensazione dolorosa possono manifestarsi anche formicolio, bruciore, gonfiore e senso di intorpidimento.

A quali altri sintomi si associano?

I dolori articolari si manifestano in combinazione a sintomi generici, che poi diventano più specifici in base alla causa che li ha innescati.

Tra i sintomi associati al dolore alle articolazioni rientrano:

  • Difficoltà nei movimenti o nella deambulazione;
  • Rigidità articolare;
  • Affaticamento;
  • Debolezza muscolare;
  • Intorpidimento;
  • Ridotta sensibilità cutanea;
  • Sensazione di bruciore;
  • Pizzicore;

Quali sono i rimedi contro i dolori articolari?

La cura più efficace ai dolori articolari prevede di intervenire sulla causa scatenante. Farmaci antidolorifici e antinfiammatori possono essere assunti per ridurre il dolore articolare legato a artrite e artrosi. Bagni caldi, massaggi, sedute di fisioterapia, applicazioni con ultrasuoni e riposo sono alcuni dei rimedi suggeriti per combattere i dolori articolari.

Dolori articolari, quando rivolgersi al proprio medico?

In casi di dolori articolari, si consiglia di rivolgersi a un medico in caso di:

  • dolore articolare che persiste per tre o più giorni, quando questo è associato a febbre, gonfiore o arrossamento della parte interessata
  • dolore acuto che rende difficoltoso il movimento
  • dolore successivo a trauma o contusione (in questo caso si consiglia di recarsi al più vicino pronto soccorso).