Cosa vuol dire B2B e come funziona l’eCommerce per aziende

Quante volte ti sei chiesto cosa vuol dire la sigla B2B? B2B (acronimo di business-to-business) non ha niente a che vedere con un gruppo musicale R&B, né tanto meno con gli alberghi B&B, quanto piuttosto è un accordo di transazione tra imprese come quello che coinvolge un grossista e un rivenditore.

In questo articolo approfondiremo la sua definizione, ma per ora sappi che le imprese B2B non sono poi così diverse dalle tanto sbandierate startup, fosse solo perché le aziende B2B hanno molteplici vantaggi ben definiti che le distinguono da altri modelli di business.

Comunque, per essere chiari fin dall’inizio, chi vende prodotti o servizi ad altre aziende, è un B2B!

Cosa c’è da sapere sul commercio B2B (business-to-business)

Questo modello di business ti interessa? Se sì, vediamo tutto quello che c’è da imparare su di esso, dalle basi ai concetti approfonditi come i diversi tipi di B2B, la differenza tra B2B e B2C, nonché alcuni esempi pratici di marketing B2B. E dato che quasi il 50% delle aziende B2B conducono il loro marketing in-house, ti diremo anche come stare davanti alla concorrenza senza indebitarti con mutui e/o prestiti.

Cos’è il B2B?

Come abbiamo scritto sopra l’acronimo B2B significa “Business-to-Business” ovvero quel modello di business che comprende tutte le imprese che creano e vendono prodotti e servizi per altre imprese come i produttori per i grossisti e i grossisti per chi vende al dettaglio.

Il B2B descrive le transazioni per gli ordini tra imprese mentre il B2C, d’altra parte, permette alle imprese di vendere direttamente ai consumatori per uso personale.

Quando gli ordini B2B vengono eseguiti online, i produttori, i grossisti e i distributori beneficiano dell’efficienza degli acquisti. Un sondaggio di analisi del mercato B2B del 2020/2021 durante la pandemia da Covid-19 ha indicato che circa il 61% del mercato B2B europeo si è spostato online, il che significa che i grossisti, i produttori e i distributori stanno ora generando più affari online – grazie al concetto di e-commerce B2B.

Lo spazio dell’e-commerce si è evoluto permettendo alle imprese B2C convenzionali di incorporare l’aspetto B2B nelle loro operazioni, dando vita al cosiddetto B2C2B. Anche il viceversa (B2B2C) è diventato abbastanza comune oggi.

I punti chiave dell’e-commerce B2B

L’e-commerce Business-to-Business si verifica quando le imprese come un distributore e un grossista effettuano transazioni online mentre, a differenza del B2B, le aziende B2C servono direttamente i consumatori.

Oggi, più del 60% del mercato B2B è online ed è normale che sia le aziende B2B che B2C si sono evolute rispettivamente in B2B2C e B2C2B per adattarsi agli ultimi progressi dell’e-commerce.

Quindi, immergiamoci nei tipi esistenti di B2B.

Quali sono le diverse tipologie di B2B

Il B2B può assumere molte forme. Di seguito sono riportati alcuni tipi comuni di e-commerce business-to-business.

 

1. B2B2C

Il commercio elettronico business-to-business-to-consumer può assumere diverse forme, tuttavia essenzialmente, comporta la transazione simultanea con altre imprese e con i consumatori. In altre parole, elimina la necessità di un intermediario che di solito collega le imprese ai consumatori; invece, migliora l’interazione diretta delle imprese con i clienti. Un esempio di questo potrebbe essere una tipografia che vende banner roll-up per le imprese e biglietti da visita per i consumatori privati.

Alternativamente conosciuto come business-to-everyone (B2E), business-to-x (B2X), e business-to-many (B2M), i grossisti e i produttori B2B2C servono il consumatore finale direttamente o attraverso un partner B2B. In un modello B2B2C, le transazioni commerciali avvengono interamente online, di solito attraverso piattaforme di e-commerce, app e vetrine.

Mentre dall’apparenza il concetto B2B2C potrebbe sembrare un modello di business complesso, la maggior parte dei consumatori ci interagisce quotidianamente. Uber Eats è un esempio perfetto – mentre vende i suoi servizi ai ristoranti, consegna anche direttamente il cibo ai consumatori.

2. Commercio all’ingrosso

Il commercio all’ingrosso è una forma popolare di B2B. Le imprese all’ingrosso normalmente vendono i loro prodotti all’ingrosso a prezzi ridotti ai dettaglianti. L’impresa all’ingrosso è di solito un produttore o un distributore. Questo è il modo in cui il business all’ingrosso funziona che implica la vendita di beni ad altre imprese in quantità maggiori.

Il commercio all’ingrosso digitale e l’e-commerce B2B potrebbero significare la stessa cosa perché essenzialmente, entrambi coinvolgono la vendita all’ingrosso ad altre aziende online.

3. Produttori

I produttori di merci sfuse da materie prime vendono i loro prodotti ad altri produttori o grossisti. Un esempio di un produttore B2B potrebbe essere nel mercato dell’auto, dove i produttori fanno parti e vendono ad altri produttori per assemblare e vendere auto complete ai loro clienti all’ingrosso o al dettaglio.

Gli acquirenti B2B stanno oggi cercando di incontrare l’esperienza di acquisto B2C con entrambi i produttori e i grossisti che prendono nota dell’ambiente di business online in evoluzione. E con il mercato B2B che si prevede salirà a circa 20,9 trilioni di dollari entro il 2027, le aziende che effettuano transazioni online sono destinate a realizzare un aumento costante sia nelle entrate che nell’adozione da parte dei consumatori.

4. Distributori

I produttori lavorano a stretto contatto con i distributori per aiutare a portare i loro prodotti ai consumatori e agli utenti finali. I distributori giocano anche un ruolo cruciale nell’aumentare la visibilità dei prodotti, dato che si impegnano in molte attività di marketing.

La maggior parte dei produttori collaborano con i distributori per aumentare le entrate e l’arena online offre un’opportunità ancora maggiore per raggiungere i propri grossisti e consumatori di riferimento. I distributori B2B sono interessati ad aumentare l’efficienza e ad accorciare i tempi dal punto di vendita alla consegna.

Le 5 migliori piattaforme di e-commerce B2B

L’eCommerce business-to-business (B2B) sta raggiungendo nuove vette e non c’è una fine in vista. La recente evoluzione e crescita dell’eCommerce B2B sta attirando l’attenzione di acquirenti, venditori e investitori in tutto il mondo.

Se sei un imprenditore lungimirante e ti rendi conto dell’enorme potenziale che rappresenta l’eCommerce B2B, forse una delle prime domande che dovresti porti è,”Quale piattaforma eCommerce dovrei usare per ospitare il mio nuovo sito di vendita online B2B?”

Prima di tutto, è essenziale capire cosa differenzia le piattaforme B2B da altri tipi di piattaforme e come le piattaforme eCommerce dovrebbero essere attrezzate per il successo B2B.

Le aspettative dell’esperienza del cliente in un ambiente B2B sono cresciute nell’ultimo decennio. Più acquirenti B2B richiedono un’esperienza di eCommerce semplice che imiti il modello della tradizionale relazione business-to-business.

La natura dell’eCommerce B2B (e del commercio B2B in generale) è tale che in genere si creano relazioni commerciali più a lungo termine con i clienti rispetto alla gestione di un negozio B2C, ossia di un classico e-commerce di vendita al dettaglio.

Ecco perché è fondamentale conoscere le migliori strategie di marketing B2B per distinguersi dalla concorrenza.

Le più popolari piattaforme di eCommerce B2B italiane

Abbiamo parlato di quanto sia diverso l’eCommerce B2B dalla vendita online tradizionale. Mentre gran parte del processo sembra essere simile, ci sono punti di contatto in cui la giusta tecnologia fa la differenza. Diamo un’occhiata a come è possibile ottenere tutte le caratteristiche menzionate del business B2B sul tuo sito con la moderna tecnologia eCommerce.

CS-Cart Italia CMS

CS-Cart Italia B2B&B2C ha meritato la prima posizione sulla nostra lista per una grande combinazione di ricca funzionalità, facilità d’uso e prezzo accessibile.

CS-Cart Italia è una piattaforma professionale di eCommerce B2B per costruire negozi online per produttori e aziende all’ingrosso. La piattaforma eCommerce B2B CS-Cart non richiede alcuna esperienza come sviluppatore o designer per essere in funzione perché è facile da capire e da usare. Il pannello di amministrazione è pieno di funzioni, ma è ben organizzato in modo che si possa facilmente navigare e far funzionare il negozio.

L’azienda fornisce alcuni dei più convincenti software eCommerce open source per la gestione di un negozio online, con potenti strumenti SEO e di conversione, gestione del negozio incorporata, estensioni e temi.

Caratteristiche di CS-Cart Italia:

  • Gruppi di utenti con diversi privilegi e prezzi
  • 45 parametri di prodotto
  • Potenti strumenti SEO
  • Numero illimitato di vetrine attraverso un unico pannello di amministrazione
  • Gestione dell’inventario in diversi magazzini
  • Blocco di informazioni del manager personale
  • Creazione rapida di ordini nel pannello di amministrazione
  • Facile riordino
  • Aggiunta di prodotti al carrello in blocco
  • Generazione automatica della fattura
  • 50+ sistemi di pagamento
  • Tariffe di spedizione in tempo reale

Se state cercando di stabilire un mercato (non solo una vetrina online), allora CS-Cart Italia B2B e B2C potrebbe essere il migliore per le vostre soluzioni eCommerce B2B. Questo software vi dà gli strumenti per collaborare con altri venditori per vendere prodotti attraverso il vostro sito web.

Sito ufficiale: www.cscart.it

Cuborio

Cuborio è un’altra opzione per chi è alla ricerca di una delle migliori piattaforme di eCommerce B2B italiane. Se hai bisogno di aiuto per trasformare i visitatori in clienti il più rapidamente possibile, Cuborio è la risposta migliore, con un sacco di temi personalizzabili, un’interfaccia mobile-friendly, numerose integrazioni e visibilità controllata. Si ottiene anche l’accesso a caratteristiche sorprendenti come la segmentazione dei clienti.

La segmentazione dei clienti all’interno della vostra piattaforma eCommerce B2B significa che è possibile dividere i vostri clienti in base alle informazioni sul prodotto, o quanto comprano. Questo significa che è possibile vendere cose come webinar e contenuti premium a determinati clienti. Puoi anche nascondere i tuoi prezzi all’ingrosso agli altri clienti, in modo da poter sempre ottenere il miglior profitto dai tuoi clienti.

Altre caratteristiche B2B incluse in Cuborio includono il riordino con un solo clic, eccellente per gli acquisti di abbonamento e appartenenza, e la personalizzazione dei prezzi.

Caratteristiche di Cuborio:

  • Opzioni di personalizzazione dei prezzi
  • Riordino con un solo clic e abbonamenti
  • Controllo completo delle informazioni sul prodotto nel back-end
  • Segmentazione per i clienti
  • Estensibilità open-source
  • Ordini di grandi quantità
  • Sconti per quantità di prodotto (automatizzati)
  • Gestione flessibile delle tasse
  • Integrazioni contabili
  • Back-end SEO friendly
  • 200+ funzioni integrate
  • Processori di pagamento multipli

Sito ufficiale: www.cuborio.com

Shopify Plus

Shopify Plus è già un popolare strumento B2B basato su cloud. Shopify Plus viene fornito con l’accesso a un canale eCommerce all’ingrosso che puoi aggiungere al tuo sito web in un paio di clic. Inoltre, la natura estensibile di Shopify significa che potete fondamentalmente attingere a qualsiasi caratteristica che potreste desiderare, da nuove opzioni di pagamento, al monitoraggio della quantità degli ordini.

Non c’è bisogno di essere uno sviluppatore web o un abile codificatore per impostare la vostra piattaforma e-commerce B2B, in quanto Shopify offre tonnellate di temi gratuiti e premium, insieme a strumenti di editing, in modo da poter scegliere un tema e progettarlo per riflettere al meglio il vostro marchio.

Caratteristiche di Shopify Plus:

  • Lancio di più siti web dallo stesso back-end
  • Prestazioni del negozio 24/7
  • Vetrine dedicate
  • 20 canali di vendita disponibili dal tuo dashboard
  • Prezzi personalizzati avanzati
  • Integrazione con Avalara per la tassazione
  • Piattaforma potente per un massimo di 8000 ordini al minuto
  • Opzioni di checkout in un solo passaggio
  • Migliaia di applicazioni
  • Certificato SSL incorporato
  • Vendita all’ingrosso disponibile
  • Dropshipping tramite app come Orbelo

Oltre a questo, Shopify Plus ha anche un ampio ecosistema di app e partner, che consiste in una varietà di app, fornitori di tecnologia e agenzie. Questo riduce la necessità di integrazione esterna e ulteriore personalizzazione.

Se il prezzo è un fattore importante da considerare, allora tenete a mente che La tassa della piattaforma è calcolata in base al vostro volume mensile di vendite. La cifra varia dallo 0,15% allo 0,25%, a seconda che tu stia usando Shopify Payments come gateway di pagamento.

Sito ufficiale: www.shopify.com/plus

I vantaggi di una piattaforma e-commerce B2B

L’e-commerce B2B permette alle aziende di servire altre aziende, eliminando la necessità di un intermediario.

Quando un’azienda vende prodotti ad altre aziende in grandi quantità, si impegna nel commercio all’ingrosso. Il commercio all’ingrosso è un tipo di B2B, di solito un produttore o un distributore.

I grossisti e i produttori in genere comprano materie prime e parti da altri produttori. Un esempio è una società di produzione di componentistica per automobili che vende la sua merce ad altre società per assemblare le auto e vendere ai loro clienti all’ingrosso e al dettaglio.

I produttori collaborano con i distributori per diffondere i loro prodotti a livello dei consumatori. Si può dire che i distributori fanno la maggior parte del lavoro faticoso quando si tratta di marketing effettivo e la vendita di beni per conto dei produttori.

Perché usare una piattaforma B2B?

Lo spazio B2B ha visto una crescita massiccia negli ultimi anni, soprattutto dopo la pandemia da Corona Virus, tanto che la crescita dell’eCommerce B2B non mostra segni di rallentamento.

Per chi non lo sapesse nel 2018, gli Stati Uniti hanno toccato 1 trilione di dollari in vendite B2B online, in crescita del 17% rispetto ai 969 miliardi di dollari del 2017. Questi numeri continueranno a salire, raggiungendo 1,8 trilioni di dollari entro il 2023.

Quindi, indipendentemente dal tuo settore, ecco perché potresti voler far parte di questa nuova ondata di fare affari online.

Vantaggi di una piattaforma B2B

La parola d’ordine è una sola: disponibilità 24/7 ovunque e in qualsiasi momento.

Sono finiti i giorni in cui i clienti B2B richiedevano visite di vendita fisiche, lunghe telefonate con i loro fornitori e numerose e-mail per rifornire i loro scaffali.

I clienti B2B di oggi vogliono ordinare esattamente quando è conveniente per loro. Chiedono disponibilità e accesso 24/7. E permettendo ai vostri clienti di ordinare i vostri prodotti tramite una piattaforma B2B, vi state assicurando proprio questo.

L’eCommerce B2B non conosce confini – che abbiate sede negli Stati Uniti o in Europa o in Cina, i vostri clienti possono ora ordinare i vostri prodotti in qualsiasi momento e da qualsiasi luogo. Questo è pratico sia per i vostri clienti che per voi stessi.

Fornire un supporto incentrato sul cliente

La verità è una sola: a differenza dei loro predecessori, le imprese e i consumatori di oggi sono più informati e meno fedeli, motivo per cui gli incentivi convenzionali come gli sconti non li muovono più così tanto.

Fornire un buon servizio con un grande sorriso non è sufficiente. Un studio americano ha scoperto che quasi il 90% dei clienti preferisce essere trattato come una persona e non solo come un numero, se si vuole conquistare il loro business.

E se avete familiarità con l’idea di “mettere il cliente al primo posto”, con l’aiuto delle piattaforme B2B è possibile personalizzare le interazioni e le esperienze dei clienti in modi speciali. Potreste farlo assistendo i vostri clienti con la conoscenza necessaria e il supporto sui loro potenziali acquisti fino al punto del loro primo acquisto, così come ogni momento del viaggio in mezzo.

Semplificare l’evasione degli ordini con piattaforme B2B basate sul cloud

La vendita online aumenta l’evasione degli ordini per le aziende B2B, ed ecco come: Gli strumenti B2B offrono un’arena contemporanea di e-commerce basata sul cloud per un processo di ordinazione end-to-end. Con le funzionalità di gestione degli ordini integrate, le aziende possono elaborare e tracciare gli ordini utilizzando un metodo chiamato OMS (Modern Order Management Systems).

Ora, OMS presenta l’intero processo della catena di approvvigionamento come un ecosistema integrato utilizzato da produttori, grossisti e distributori per automatizzare gli ordini dei clienti dall’inizio fino al livello di soddisfazione.

Per esempio, l’italiana Linkware permette ai brand, ai grossisti e ai distributori di creare negozi e-commerce personalizzati che permettono la gestione dell’inventario e degli ordini, l’assistenza ai clienti, oltre a una serie di altre funzioni della catena di approvvigionamento sotto un’unica piattaforma.

Sfrutta al meglio i dati del tuo business

Ottenere l’accesso a una serie di strumenti di business basati sui dati per il CRM, l’approvvigionamento, l’ERP e altro, vi dà una visione a volo d’uccello in tempo reale della vostra azienda. Utilizzando questi strumenti, non solo è più facile arrivare a importanti decisioni aziendali, ma le piattaforme B2B assicurano anche che tutte le vostre mosse aziendali siano supportate da dati verificabili, accurati e informativi.

Per esempio, la sezione CRM potrebbe mostrarvi se la vostra strategia di content marketing per il business B2B sta funzionando in modo ottimale o meno mentre l’ERP individuerà qualsiasi area di spreco e l’area delle spedizioni potrebbe rivelare le inefficienze nell’evasione degli ordini.

In sostanza una piattaforma B2B è il vostro one-stop-shop per vendere in modo professionale e senza errori.

Punti chiave da prendere in considerazione per un’attività B2B

Le piattaforme B2B online hanno reso facile per i clienti B2B ordinare comodamente ovunque e in qualsiasi momento.

L’e-commerce sta aiutando le aziende a ridefinire l’assistenza clienti. La ricerca suggerisce che l’84% delle aziende e dei consumatori sono disposti a rimanere fedeli alle aziende che offrono un supporto personalizzato rispetto ai soliti incentivi tra cui tagli di prezzo/sconti.

Con le piattaforme B2B basate sul cloud, i grossisti e i distributori possono ora gestire gli ordini dal punto di acquisizione del cliente alla fase di soddisfazione, sotto un’unica piattaforma. Attrai, converti, chiudi e delizia i clienti senza soluzione di continuità con integrazioni B2B come Hubspot – tutto all’interno del tuo negozio di e-commerce.

Le piattaforme B2B si rendono conto che i “dati sono re” o come dicono gli americani nell’ambiente del business online “data is king”, ed è per questo motivo che il vostro negozio di e-commerce vi garantirà l’accesso a strumenti analitici chiave per la gestione dei clienti, la pianificazione delle risorse, l’approvvigionamento e altro ancora per aiutarvi a fare mosse di business basate sui dati.

Marketing B2B: Come distinguersi dalla concorrenza

Il Marketing è fondamentale perché aiuta a rispondere alle domande dei tuoi clienti. Ma non limitarti a creare contenuti che mostrino la tua comprensione generale nei vari campi o nei loro punti dolenti.

Cerca di scavare molto più a fondo e crea una cassa di risonanza su ciò per cui cercano risposte online. Come da report HubSpot’s State of Inbound, il 53% dei marketer sta dando la priorità al content marketing come un modo per generare nuovo business.

Content marketing o marketing dei contenuti: Conosci i tuoi clienti e crea contenuti di valore che li avvantaggiano

Quando crei i contenuti per il tuo e-commerce B2B, evita di sembrare aggressivo nelle vendite, ma al contrario cerca di dimostrare chiaramente come il tuo prodotto o servizio risolve i loro problemi meglio dei tuoi competitor.

Quindi, quale tipo di contenuto porta i risultati migliori sia per te che per i tuoi clienti?

Crea contenuti che effettivamente portano benefici ai tuoi clienti e ai loro clienti – così facendo, non solo finirai per costruire la fiducia con i tuoi potenziali clienti, ma mostrerai loro anche che ti preoccupi genuinamente di loro come esseri umani.

Rendi il contenuto del tuo e-commerce personalizzato – e sii facile da raggiungere

Hai mai visitato un negozio elettronico e ti sono piaciute le sue offerte ma hai passato più di cinque minuti a cercare di trovare le loro informazioni di contatto?

Beh, se non l’hai fatto, sei veramente fortunato, perché la maggior parte degli acquirenti sono immediatamente respinti dai grossisti e distributori super difficili da raggiungere. Il punto è che i tuoi clienti non devono preoccuparsi di trovare i tuoi contatti o il numero dell’assistenza. Imposta informazioni di contatto chiare, inclusi moduli di contatto, email, sezioni di chat, numero di telefono, ecc.

Avere un team di supporto assistenza dedicato pronto a offrire soluzioni tempestive ai clienti potenziali, nuovi ed esistenti è fondamentale. Inoltre, capire che una sezione FAQ dettagliata e veramente utile è oggi un must-have e non un nice-to-have.

Rendi facile il contenuto del tuo sito web

Hai lavorato duramente per portare il tuo business all’ingrosso o di produzione online e certamente, l’ultima cosa che vuoi è sabotare la tua azienda. Se questo è il caso, allora potresti voler evitare di rendere difficile per le altre aziende comprare da te! Ma come si fa? Potresti chiedere. Semplice: elimina qualsiasi complessità, sii reattivo e accessibile, e porta avanti il processo di vendita in modo professionale.

Altre cose da considerare sono rendere la navigazione del tuo webshop facile e veloce, mantenendola sempre intuitiva.

Premia la fedeltà

Per mantenere forte e vigoroso il tuo business devi concentrarti sull’attrazione di nuovi affari e sul mantenimento dei tuoi clienti esistenti. E quale modo migliore per farlo che avere un programma fedeltà o di ricompensa per i tuoi clienti?

Da un po’ di tempo a questa parte, i programmi fedeltà si sono dimostrati validi per la fidelizzazione dei clienti in quanto aumentano regolarmente il coinvolgimento del brand. Le ricompense possono essere sotto forma di regali, sconti, punti e aiutano a migliorare l’esperienza del cliente stabilendo una connessione emotiva tra la vostra azienda e i suoi clienti.

Ogni volta che il tuo cliente fa shopping ripetuto o registra un abbonamento, questi benefici cementano ulteriormente la fiducia del brand e come grossista o produttore che guarda al futuro, non dovresti darlo per scontato.

L’importante è non cadere in errore: nessuno ti chiederà mai di privarti di una fetta delle tue vendite per compiacere i tuoi clienti, quello sarebbe mandarti fuori dagli affari; ma forse potresti essere d’accordo con noi che non è la peggiore delle idee spendere un po’ di soldi per continuare a farne sempre di più.

Come integrare l’e-commerce B2B con altri canali di vendita

L’e-commerce B2B è uno dei settori in più rapida crescita e chi vive in America lo sa, visto che una famiglia media spende circa 5.200 dollari all’anno online, con un aumento del 50% rispetto a soli cinque anni fa. E la stessa tendenza si vede anche nell’e-commerce B2B2C.

Come gestore di un negozio di e-commerce, probabilmente stai posizionando i tuoi prodotti e servizi per la spesa globale di e-commerce in aumento stabilendo più canali di vendita, e questo è favoloso! Tuttavia, con più negozi separati arriva la sfida della gestione efficace.

E se ci fosse un modo per sbarazzarsi di questo ostacolo e permetterti di concentrarti sul perseguimento della tua giusta quota di mercato?

Beh, in effetti, c’è un modo per gestire tutti i tuoi canali di vendita sotto un’unica piattaforma multichannel di e-commerce B2B.

L’azienda torinese Linkware ha ideato LINKWARE Shop uno dei migliori software di vendita completamente in italiano che ti permette di integrare il gestionale aziendale con l’e-commerce e i migliori canali di shopping online tra cui Shopify, Amazon, eBay, WooCommerce, Prestashop e molti altri ancora, nonché vendere sui più importanti social network come Facebook e Instagram.

La tua presenza digitale è un’estensione del tuo business, quindi ecco scoperto l’arcano: non pensare alle due cose come separate, ma usa l’una a beneficio dell’altra.

I 6 migliori temi Magento

Trovare un tema per Magento accattivante e al tempo stesso semplice ed innovativo a volte è davvero un’impresa per il proprio sito o shop online.

Per questo motivo abbiamo chiesto aiuto agli ingeneri informatici del team di supporto del sito ufficiale di magento-ecommerce.it di raccogliere i migliori temi magento 2021 in modo da agevolare i tuoi interessi.

Alcuni sono anche abbastanza costosi, poiché rendono la pagina sicura ed efficace per gli utenti che vi fanno visita mentre noi consigliamo di non ricercare quelli troppo economici seppur belli esteticamente, altrimenti si rischia di ottenere risultati scadenti.

Claue

Realizzato sulla base di MGS Front-End Builder e innumerevoli estensioni, questo è uno dei modelli preferiti dei proprietari di siti online poiché rende davvero piacevole la permanenza sul web, essendo molto pulito, semplice ed innovativo. Non a caso è anche uno dei migliori temi Magento che si possono trovare ed è possibile selezionare oltre i 20 layout di home page e tantissime opzioni per qualsiasi sia lo scopo del sito, che sia uno shop, un blog…
Inoltre è disponibile ad un prezzo incredibilmente vantaggioso rispetto agli altri temi, nonostante, come abbiamo detto, sia uno dei più eccellenti in circolazione.

GemSmart

Anche questo rientra di diritto all’interno della classifica dei migliori temi Magento per il 2021 che ormai è alle porte. Essendo infatti tra i più reattivi e potenti è molto utile quando si ha la necessità di allestire il proprio shop online, in particolar modo nella vendita di oggetti elettronici, come macchine fotografiche, smartphone, computer ecc…
Il design è perfetto per attirare potenziali acquirenti, ed utilizzando questo tema Magento è possibile ricreare un’interfaccia molto simile ai grandi colossi del Web come Amazon o Ebay, ad esempio. Infine, GemSmart è un pacchetto in bundle con estensioni MegaSolution.

Molla

Il tema multiuso Molla è stato realizzato tramite l’utilizzo di un basic theme Magento ed un Front-end CMS Page Builder, consentendo all’utente di rimodernare il layout della propria pagina web in maniera assolutamente elegante ed innovativa. La semplicità è la chiave di tutto e per questo Molla è in grado di sostenere il vostro shop online di moda, mobili ed elettronica anche con cataloghi lunghi.

Supro

Altro team minimalista, Supro è stato realizzato con estensioni Ajax Magento 2 e grazie alla sua incredibile economicità ha fatto un boom si vendite lo scorso anno, ed altrettanto è previsto per il 2021. Con un design UI / UX standard e una perfetta cura dei dettagli, contribuirò positivamente ad aumentare le visite e gli acquisti del tuo shop online.

Ninth

Eccellente per poter dare un tocco minimale ed elegante alla propria pagina. Di tendenza tra i Themeforest, la versione MGS Front-End Builder risulta essere ottima per la creazione di home page efficaci, economiche e funzionali che cattureranno l’attenzione dei tuoi clienti. Complice anche la presenza di innumerevoli estensioni, tra cui le più rilevanti Instant Search, Lookbook e Ajax Cart.

Hebes

Questo risulta essere abbastanza recente come tema, molto moderno e professionale. Inserito nella classifica dei migliori temi Magento premium negli ultimi 2 anni, è rimasto tale poiché con l’avanzare degli anni è stato aggiornato e non ha ceduto neanche una posizione. Utile soprattutto quando si vogliono allestire dei fantastici siti di moda, vendita di mobili e tanto altro ancora, potendo contare su oltre 16 layout ottimizzati.

Hebes è costruito grazie alla versione più recente di MGS Front-End Builder. Grazie poi alle estensioni Ajax Layered Navigation, Guest Wishlist e tante altre ancora, il cliente riesce a risparmiare davvero molto a livello economico.

L’ideale per avere una posizione di rilievo tra gli shop online e quello di utilizzare un template professionale ma se avete bisogno di qualcosa di più specifico rispetto ai 6 migliori temi Magento sopra citati vi consigliamo di visitare il sito ufficiale Magento all’indirizzo web  https://marketplace.magento.com/themes.html.

L’importanza di un social media manager per le piccole aziende

Negli ultimi anni l’utilizzo dei social media è aumentato in maniera esponenziale, tanto da rendere tutte le piattaforme uno strumento di lavoro per le aziende. Promuovere infatti i propri prodotti e i propri servizi sui social, è una pratica sempre più diffusa e necessaria per un’azienda. Si possono infatti raggiungere persone che magari dal vivo non si sarebbero mai raggiunte ed inoltre, si ha la possibilità di creare un’identità della propria attività.

Dunque i social media, oggi sono considerati un biglietto da visita dell’attività e proprio per questo motivo bisogna stare attenti ai messaggi che si vogliono trasmettere. Questo perché ci si troverà dinanzi ad un’arma a doppio taglio, che potrebbe portare ad alcuni svantaggi se non si è esperti del settore. Proprio per questo motivo si consiglia sempre di rivolgersi ad esperti, in modo tale da avere non solo dei punti di riferimento, ma anche degli ottimi risultati.

La visibilità di un’azienda sui social media

Utilizzare i social media non è altro che un canale diverso per aumentare la visibilità dell’azienda su internet, in questo modo si andranno a creare nuove opportunità e soprattutto nuovi tipi di business. Come detto in precedenza, si raccomanda sempre di affidarsi ad esperti del settore, in questo caso ai Social Media Manager come ad esempio i ragazzi di mediacreators.it. Questi ultimi avranno poi il compito di gestire i canali ma soprattutto di creare dei contenuti per promuovere al meglio le attività e i prodotti di un’azienda.

È molto importante che un Social Media Manager sappia anche creare ottimi piani editoriali, organizzare i contenuti ma soprattutto, che sappia pubblicizzare al meglio il brand, in modo tale da creare anche un’immagine seria ed importante del cliente per cui lavora.

Non essere sui social, oggi significa chiudere la porta a nuove opportunità di business ed è proprio per questo che anche le piccole aziende devono far leva su questo strumento. I social media sono fondamentali per le aziende, questo perché si riesce a creare una linea diretta con i futuri clienti e soprattutto si riescono ad effettuare meglio delle analisi di mercato, comparando i dati dello store fisico e quello online.

È molto importante però ricordare, che oltre al numero di followers è importante incrementare l’engagement. Infatti un numero alto di seguaci non corrisponde ad una buona gestione dei social media, questo perché più c’è interazione da parte degli utenti e più si riuscirà a creare una community che risponde ai contenuti proposti dall’azienda e di conseguenza si crea anche una rete di clienti.

Perché affidarsi ad un Social Media Manager

Essere presenti online può sembrare molto semplice ma in realtà non lo è, proprio per questo motivo è consigliato rivolgersi ad esperti. Questi infatti, hanno delle skills importanti per proseguire con i collegamenti dei canali online ma anche per la promozione e la creazione dei contenuti.

Bisogna infatti essere anche molto aggiornati con i tempi, questo perché non essere al passo con le mode e i trend non aiuta l’azienda a posizionarsi sul web. Ci sono delle caratteristiche specifiche che deve avere un buon Social Media Manager per un’azienda, piccola o grande che sia e di seguito le elencheremo.

Si parte dalla skills copywriting che è tra quelle più importanti, in quanto la creazione di testi ben scritti è necessaria non solo per le biografie dei profili ma anche per i contenuti che saranno poi proposti agli utenti della community. Si passa poi al design, altro elemento fondamentale, in quanto video e immagini devono essere assolutamente d’impatto per coinvolgere al massimo i followers e potenziali.

Anche la capacità di analisi è senza dubbio importante, questo perché come detto in precedenza, conoscere i trend e svolgere un’ottima attività di Instant Marketing è un must have per l’azienda e non si può fare a meno di sfruttare questa potente arma.

C’è poi ovviamente la voglia di mettersi in gioco, accompagnata dalla curiosità per poi generare dei piani editoriali e delle strategie che possano portare a veri e propri risultati. Dunque in conclusione, si può dire che un Social Media Manager non deve avere solo alcune skills, ma deve conoscere al

Che cosa è una strategia di marketing e come funziona

Ogni azienda, piccola o grande, fisica o digitale, sa bene che il marketing è il cuore del suo sviluppo: avere una strategia di marketing è di conseguenza assolutamente fondamentale per farsi conoscere, per fidelizzare la clientela, per aumentare le vendite, per potersi espandere sempre di più.

Oggi il marketing è una soluzione che si interseca in ogni fase della vita dell’azienda, e che permette di creare valore: permette di farsi conoscere, ampliare il numero dei clienti e potenziali tali, permette di comunicare.

Una strategia di marketing consiste in un orientamento generale, da parte di una impresa, nel definire gli strumenti e le modalità per il raggiungimento di un obiettivo.

Tuttavia non è sempre chiaro come si imposta una corretta strategia di marketing, e come si sceglie insomma cosa comunicare (e come) nella maniera corretta.

La scelta del carattere e del timbro della comunicazione online però è davvero importante perché definisce, nel complesso, come si muove un’azienda, la sua identità, ed il modo in cui si relaziona con i contatti. Non solo. La strategia di marketing e di comunicazione che un’azienda usa definisce anche il suo tono, quindi contribuisce a creare in modo molto forte l’identità dell’azienda, il suo rapporto con i clienti. Questa è un’arma a doppio taglio che se ben sfruttata può fare la popolarità e la fortuna di un’azienda, come si può vedere facilmente sui social dove una campagna pubblicitaria ben elaborata non fatica a diventare ‘virale’ e quindi a diventare ben più nota di quanto si fosse addirittura prognosticato. Quello che serve però è una strategia, una visione a lungo termine.

La strategia di marketing deve quindi essere attentamente elaborata, e se necessario sarebbe bene far riferimento a degli esperti del settore (come agenzie di marketing, ad esempio, creativi e strateghi della comunicazione) per impostare una corretta strategia di marketing che possa dare frutto e valore nel tempo.

Ma come si sviluppa una strategia di marketing? Quali sono i passi da seguire? Vediamolo assieme.

Lo sviluppo della strategia di marketing: gli step da seguire

Implementare una strategia di marketing è questione di visione, di profonda conoscenza sia della propria azienda che della clientela.

Teniamo conto che la strategia di marketing è sempre un piano lungimirante, quindi a medio-lungo termine: i suoi obbiettivi non si devono vedere necessariamente dopo pochi mesi, ma l’importante è che siano calibrati nel lungo termine e che diano risultati come conversioni. Scopo di una strategia di marketing in genere è aumentare la visibilità del brand, lanciare un certo prodotto o servizio, o in generale aumentare il numero di clienti. Ovviamente, è anche possibile avere più di un singolo obiettivo. Ma come si imposta una strategia di marketing e quali sono gli step da seguire?

In particolare ci sono diverse fasi da seguire:

  • analisi delle opportunità di mercato. Con ciò si intende che è necessario conoscere il mercato: il proprio ed anche i principali competitor, ed il modo in cui comunicano e in cui si muovono. Tenere conto, nella definizione del mercato, di diverse variabili: demografiche, geografiche, di comportamento.
  • Definizione del target. Bisogna necessariamente conoscere il target di riferimento per muoversi in modo calibrato. Conoscere il target, la sua età, comportamento, modo di pensare, valori, idee, mettersi insomma nei panni del cliente.
  • Posizionamento dell’offerta. Scegliere come posizionare la propria offerta nel mercato, intesa anche come prezzo e valore.
  • Piano d’azione. Scegliere ed impostare una strategia di azione del marketing, un piano d’azione della pubblicità.
  • Controllo dell’offerta. Monitorare sempre i KPI per capire se l’offerta sta andando come previsto e per intervenire se necessario. Monitorare l’impatto della strategia di marketing.

Attraverso il processo creativo per il content marketing: qualche spunto 

Essere creativi, essere originali, essere precursori, essere unici: sono questi i dogmi di oggi per una comunicazione online che sia davvero in efficace, in grado di lasciare un segno nella mente degli utenti e dei clienti, per essere virali.

Il processo creativo però è qualcosa di fumoso e che non è sempre facile descrivere, figuriamoci cercare di dare un metodo o di circoscrivere quali sono i passaggi necessari del processo creativo nel content marketing. Eppure un metodo, anche nella creatività, esiste: non è fatto di rigidi schemi come in una catena di montaggio, ma senz’altro c’è. Originalità, pensiero laterale e fantasia sono ingredienti assolutamente indispensabili nel processo creativo di ogni squadra di marketing e comunicazione, non importa di quale azienda, piccola o grande. Ma ci sono anche utili consigli che è possibile sfruttare per cercare di migliorare il modo in cui si comunica online con la clientela, la maniera in cui si concepiscono ed elaborano pubblicità o campagne di marketing, in tv come sui social.

Soprattutto se ci si trova in una fase di blocco creativo può essere davvero utile cercare di seguire i passi del processo creativo che aiutano ad uscire dall’impasse, ritrovando la strada della creatività e della qualità delle idee, nonché della produttività.

Prima, però, dobbiamo capire che cosa intendiamo per processo creativo, che cosa è questo flusso che ci porta ad elaborare delle idee.

Per processo creativo possiamo intendere quel metodo, quel modo che ci consente di avere delle idee e possibilmente delle buone idee, la cosiddetta ‘illuminazione’. Avere un metodo aiuta a non bloccarsi e a non impantanarsi anche quando le idee non vogliono proprio saperne di emergere. Vediamo quindi quali sono gli step di un processo creativo, come favorire l’emersione delle idee per un content marketing o per una campagna pubblicitaria.

Gli step del processo creativo: quali sono? Cosa sono?

Sì, il processo creativo ha degli Step anche se non sono rigidi e prestabiliti, delle fasi che aiutano a ritrovarsi e a trovare anche delle buone idee. Soluzioni da seguire quando non si sa dove sbattere la testa ma bisogna creare dei contenuti pubblicitari e di marketing, e non si ha certo tempo di attendere pazientemente l’illuminazione. Possiamo illustrare in questo modo gli step (non necessariamente in ordine) di un processo creativo:

  • Cercare del materiale. Bisogna essere curiosi, perché la curiosità è la linfa della creatività, è quello che consente di non spegnersi e di non ripiegarsi su cose già viste. Butta giù schizzi, ed idee: esplora fonti, materiali, anche non convenzionali, anche se a prima vista non hanno molta attinenza con il tema che devi toccare. Raccogli le fonti, e cercare di tenerle sotto mano.
  • Crea connessioni. Un brain storming aiuta a cercare delle connessioni fra quelle fonti, materiali, idee che hai trovato e che a prima vista non sono comunicanti fra loro. Sforzati di trovare relazioni, lascia andare la mente fluida.
  • Lavora a livello inconscio, non a livello razionale. Un processo creativo non si esprime più di tanto a livello razionale, è più qualcosa che si muove a livello inconscio e poi emerge. Se ti può servire, stacca: esci a correre, a fare una passeggiata, a prendere un caffè, parla, ridi, distraiti e vedrai che qualcosa arriverà.
  • L’idea arriva quando non l’aspetti. Fai in modo di avere sempre un block notes ed una penna per catturarla, perché potrebbe arrivare nel momento in cui era meno attesa. L’inconscio continua a lavorare, quando gli dai qualche spunto: ecco perché il processo creativo non ha bisogno di essere incatenato per funzionare e neppure di rigidi step.