Come gestire la sicurezza nei cantieri

Con l’avvento del Covid-19, il mondo ha dovuto per forza di cose cambiare ed adeguarsi alla realtà, affrontando un’emergenza di notevole entità in termini di rapidità del contagio, estensione e mortalità.

Il virus ha sostanzialmente modificato le nostre abitudini, visto che i governi di tutto il mondo si sono ritrovati nelle condizioni di emanare una serie di decreti e norme speciali atte a contrastare la diffusione del Covid-19: basti pensare all’uso delle mascherine (pressoché obbligatorie ormai ovunque) al contingentamento delle persone sui mezzi pubblici e nei luoghi di ritrovo, ai processi di sanificazione di ambienti, oggetti e superfici, fino a periodi di vero e proprio confinamento coatto (il lockdown).

Anche il mondo del lavoro ha risentito pesantemente dell’emergenza sanitaria, con una serie di problematiche di tipo economico e logistico: tante persone hanno perso il lavoro, altre operano da casa con il cosiddetto smart working, e l’economia fatica a riprendersi.

Le aziende come la Edilfuni specializzate in edilizia acrobatica  su fune non possono permettersi di lavorare a casa, dovendo intervenire direttamente sul posto. Tuttavia sia nella sede principale che in ogni cantieri vengono rispettate tutte le normative vigenti in materia di protezione.

L’edilizia non è ovviamente sfuggita a tutto ciò, anzi, i cantieri edili rappresentano uno dei luoghi di lavoro con il maggiore tasso di rischio, e questo rende assolutamente indispensabili la prevenzione, il controllo, la tutela.

Per questo sono state messe a punto delle nuove regole per la totale sicurezza dei cantieri, che l’azienda Edilfuni ha messo a punto fin dal primo momento: si tratta di alcune linee guida che illustrano tutti i comportamenti da osservare sul posto di lavoro, dalla modalità di accesso al sito alla gestione degli spazi comuni:

Informazione

I datori di lavoro devono informare chiunque abbia accesso al cantiere della presenza di nuove indicazioni governative tramite appositi cartelli che indichino i comportamenti da rispettare; inoltre, il personale dovrà esser sottoposto al controllo della temperatura prima di accedere al cantiere, venendo rifiutato con un risultato superiore ai 37°: le persone con questa temperatura dovranno entrare in isolamento e contattare immediatamente il proprio medico curante; il personale dovrà informare il datore di lavoro sulla presenza di eventuali sintomi influenzali.

Distanza di sicurezza

Tutte le persone presenti in cantiere dovranno mantenere la distanza di sicurezza di 1 metro, evitando la creazione di assembramenti.

Dispositivi di protezione

Il personale deve utilizzare gli strumenti di protezione (mascherine e visiere) all’interno di luoghi chiusi, oppure quando non sia possibile mantenere la distanza di sicurezza minima (alcune lavorazioni non possono garantire il metro di distanza), avendo premura di rispettare le più elementari norme igieniche.

Fornitori esterni

Gli esterni al cantiere devono evitare assolutamente i contatti con il personale interno: saranno presenti servizi igienici dedicati, e gli autisti dovranno restare sui propri mezzi.

Pulizia e sanificazione

La pulizia e la sanificazione dovranno essere garantite impeccabilmente dal datore di lavoro, che dovrà occuparsi di tutti i luoghi chiusi, dagli spogliatoi ai mezzi di lavoro e trasporto.

Gestione spazi comuni

L’accesso a mense e spogliatoi sarà naturalmente contingentato, dovrà essere assicurato un buon ricircolo dell’aria, indicando i tempi massimi di sosta, bisognerà rispettare la distanza di sicurezza ed utilizzare i dispositivi di protezione.

Per favorire la lotta al virus e contrastarne la diffusione, sono inoltre incentivate tutte le modalità di lavoro che possono essere svolte da casa o comunque a distanza, senza una presenza fisica in cantiere; sono agevolati anche gli accordi sindacali che possano riorganizzare il lavoro, attraverso l’erogazione di ferie e la turnazione tra i dipendenti, con l’obiettivo primario di ridurre al minimo le possibilità di contatto fra individui, e di conseguenza limitare i contagi.