Cosa fa un Urologo?

Molti spesso confondono la figura dell’urologo con quella dell’andrologo. L’andrologo e l’urologo sono due tipologie di medici che spesso vengono confuse tra loro, in realtà hanno competenze diverse.
Gli urologi e gli andrologi hanno una formazione ed esperienza equivalenti; tuttavia gli urologi trattano un ambito più ampio di condizioni, mentre l’andrologo è un pò più specializzato. Scopriamo in che modo.

Chi è l’urologo?
Gli specialisti di urologia, o urologi, sono preparati per trattare le infezioni e i problemi del tratto urinario e dell’organo surrenale sia negli uomini che nelle donne. Nelle donne, gli urologi trattano le condizioni che influenzano i reni, l’uretere e l’utetra e la vescica. Negli uomini, analizzano e trattano allo stesso modo i problemi clinici che si rilevano sulla prostata e sul sistema riproduttivo maschile. Gli urologi possono esercitare anche nell’urologia pediatrica, che è una specializzazione dell’urologia, e possono trattare in modo informale anche alcuni aspetti propri dell’andrologia. A tal proposito lo studio di urologia del Dottor Izzo a Napoli è uno studio che tratta sia ambiti di urologia che di andrologia, ed è possibile prenotare una visita anche tramite il sito web.

Chi è l’andrologo?

Gli andrologi sono urologi che si concentrano prevalentemente sul trattamento delle condizioni che influenzano la fertilità e la sessualità maschile, invece di agire sul più ampio campo dell’urologia. Questa specialità comprende il trattamento di condizioni fisiche che influenzano i genitali, ad esempio le patologie a carico dei testicoli, e inoltre ferite e infezioni che possono influenzare la fertilità o la capacità sessuale. Le condizioni di salute, ad esempio la malattia coronarica, l’ipertensione e l’insufficienza renale possono influire sulla capacità sessuale, quindi gli andrologi si uniscono alle figure di medici specialisti in quei campi.

Differenza tra urologo e andrologo
Come abbiamo potuto notare le due figure sono molto diverse tra loro.
La differenza è data dall’ampiezza del campo di intervento: l’andrologo tratta l’apparato riproduttore maschile mentre l’urologo studia l’apparato urinario umano in senso lato, senza distinzione di sesso.

Un paziente può essere indirizzato a un urologo per il trattamento di una serie di condizioni:

Infezioni del tratto urinario : spesso insorgono quando i batteri migrano dal tratto intestinale all’uretra. I sintomi includono minzione anormale, dolore, incontinenza , nausea, vomito, febbre e brividi. Colpisce principalmente le donne.

Incontinenza : un malfunzionamento del sistema urinario può portare alla perdita involontaria del controllo della vescica. Nelle donne, questo può derivare da un indebolimento dei muscoli del pavimento pelvico durante la gravidanza.

Sterilità maschile : questo può derivare da un danno al tratto riproduttivo maschile e da una varietà di disturbi sulla formazione o sul trasporto dello sperma. Una causa comune è il varicocele, una vena allargata nella sacca sotto il pene. La chirurgia a volte può aiutare.

Malattia renale : I danni ai reni possono portare a gonfiore alle mani e alle caviglie, ipertensione e altri sintomi. Se i reni non funzionano più efficacemente, si parla di insufficienza renale.

Trapianto renale : un paziente può richiedere trapianti renali in seguito a insufficienza renale.

Oncologia urologica : trattamento dei tumori correlati al sistema riproduttivo urologico o maschile, come il cancro alla vescica e il cancro alla prostata.

Prolasso della vescica : Una patologia che insorge quando i tessuti e i muscoli del pavimento pelvico non sono più in grado di sostenere gli organi del bacino, gli organi possono decadere dalla loro posizione normale.

Tumori : Cancro di vescica, reni, ghiandola prostatica, testicoli e qualsiasi altro tumore che colpisce il sistema urinario o, negli uomini, il sistema riproduttivo.

Ingrandimento della prostata : l’iperplasia prostatica benigna (IPB) colpisce circa 1 su 3 uomini di età superiore ai 50 anni. Una crescita eccessiva delle cellule nella ghiandola prostatica provoca la costrizione dell’uretra, causando problemi durante la minzione.