Casa: Acquisto o Affitto?

Scegliere tra l’acquisto di una casa o continuare a rimanere in affitto è qualcosa che tocca un po’ tutti nella vita. Per gli Italiani avere un tetto sulla testa è un concetto molto importante, un modo per decretare che nella vita, qualunque cosa accada, tu abbia una casa in cui abitare. Ecco perchè, in particolare noi italiani,  siamo cresciuti con il mito del: “Un giorno crescerai, avrai un bel lavoro, ti farai una famiglia e ti comprerai una casa”

La casa diventa quindi un simbolo di solidità e sinonimo di per sempre .

Italiani: la popolazione con più case di proprietà

Secondo i dati Istat gli Italiani sono la popolazione con più case di proprietà, che sia acquistato o lasciato in eredità. Una percentuale che spiazza tutti gli altri paesi dell’Europa.  Il valore medio di una casa è di circa 170 mila euro, con percentuali di acquisto differenti tra nord e sud. Nella maggior parte dei casi al sud e nelle isole  più dell’80% vive in abitazioni di proprietà, al nord sale la percentuale di affitto e diminuisce la percentuale di acquisto. Ulteriore differenza è data tra l’acquisto in grosse città e in paesini. Tra gli acquirenti ci sono in particolare gente matura con un lavoro fisso e pensionati, solo una piccola percentuale riguarda i giovani.

Nuovi stili di vita: il fenomeno degli affitti brevi

I nuovi stili di vita, la crisi economica e la maggiore mobilità lavorativa hanno portato, in parte, a  cambiare alcune abitudini degli italiani facendo crescere, per esempio, in maniera esponenziale il settore affitti, anche e soprattutto i cosidettì “affitti brevi”.

Si definiscono affitti brevi quegli affitti che vanno sotto i trenta giorni sottoscritti in particolare per turismo e per ragioni lavorative. Il sistema è abbastanza semplice: basta pubblicare le foto e video della propria casa magari in piattaforme intermediarie come Airbnb per avere nuovi clienti.  Il fenomeno riguarda quasi tutte le città del mondo, con alta concentrazione nelle mete più turistiche ma il processo è in via di definizione dal punto di vista legislativo e fiscale.

Acquisto o Affitto? : il dilemma di sempre

Sull’argomento abbiamo cercato, letto statistiche e articoli e abbiamo notato come l’idea di acquisto sia particolarmente favorevole in questi anni grazie a prezzi di acquisto molto convenienti e tassi di mutuo particolarmente bassi. Gli specialisti del settore consigliano addirittura di prendere in considerazione l’acquisto di una casa da qui ai prossimi anni. Allo stesso tempo abbiamo letto decine di idee discostanti  poichè un affitto di locazione con una durata, per esempio di 12 mesi, risulta essere vantaggioso e non vincolante, ciò favorisce una maggiore mobilità e quindi possibilità di crescita professionale.

Il dilemma rimane quindi irrisolto e senza una risposta netta. Abbiamo però cercato di raccogliere i principali elementi positivi sia dell’uno che dell’altro mondo. Se anche tu sei indeciso di seguito troverai due elenchi, uno per il mondo dell’affitto e l’altro per il mondo dell’acquisto.

Ah, oggi ci sentiamo particolarmente positivi e non vorremmo confonderti ulteriolmente le idee mettendo anche i contro di entrambi i casi, pertanto troverai i pro di entrambe le scelte.J

Il vantaggi dell’essere affittuario:

  • Affittare una casa significa gestire meno documenti,
  • Non serve una somma iniziale corposa,
  • Non paghi tu l’Imu ma il proprietario dell’immobile,
  • Maggiore flessibiltà.

I vantaggi dell’essere il proprietario:

  • Significa investire in un bene immobile che non muta nel tempo.,
  • Sei libero di modificare gli spazi a tuo piacimento,
  • Se sei sicuro di voler vivere nello stesso luogo può essere un buon investimento.

Stai pensando di comprare casa o rimanere in affitto? Facci sapere la tua.