L’arredamento da ufficio, gli aspetti da valutare

Che sia di uno studio domestico o di un luogo di lavoro, l’ufficio è un ambiente che richiede una particolare attenzione a tutto ciò che riguarda l’arredamento.

Si tratta di un posto in cui le persone passano la maggior parte della loro giornata, quindi è indispensabile che sia un luogo in cui si sta bene, dove si lavora bene e in cui si trovino bene anche come detto precedentemente i clienti che vengono  in visita.

Questi tre aspetti  non sono facili da coniugare, soprattutto perché spesso i gusti personali possono essere in contrasto con le linee guide consigliate per rendere un ambiente adatto all’attività lavorativa.

Questo articolo ha lo scopo di illustrarvi quali sono i passaggi principali per arredare un ufficio da zero e con parsimonia, dato che noi non siamo esperti abbiamo deciso di interfacciarci con una delle aziende leader del settore: Linekit che da oltre cinquant’anni di occupa del benessere dei lavoratori con l’arredamento da ufficio.

Buona lettura!

L’arredamento da ufficio il biglietto da visita della tua azienda

L’arredamento dell’ufficio diventa immediatamente come la vetrina di un negozio: per attirare clienti e avere successo deve avere un certo impatto visivo e comunicativo.

In generale le caratteristiche migliori che un ufficio deve rispettare sono la funzionalità e la comodità, in fondo si sa un ufficio organizzato migliora la produttività dei collaboratori.

Ecco che vengono in tuo aiuti le 5 regole  di Linekit per essere sempre al passo con l’ergonomia della tua nuova postazione di lavoro:

  • Per avere una seduta di lavoro capace di trarre benefici deve essere regolabile in altezza e anche per quanto riguarda l’appoggio delle braccia; queste caratteristiche servono per evitare una scorretta postura e l’affaticamento di tutta la zona della schiena.
  • Occhio alla schiena, la seduta oltre ad essere ergonomica deve essere comoda, un consiglio è quello di mantenere sempre la schiena ben appoggiata e mai curva.
  • L’ombelico deve essere allineato con il piano da lavoro, quindi avere una seduta che si regola in altezza è importante.
  • L’affaticamento per quanto riguarda la vista può essere un problema che viene  arginato facilmente con una luminosità adeguata, una lampada che ci agevoli le mansioni da svolgere.

Arredamento per ufficio, scegli la giusta scrivania

Il pezzo fondamentale della quale partire per arredare un ufficio è sicuramente la scelta della scrivania.

Nella scelta bisogna tenere in considerazione molteplici fattori, tra cui anche quelli che riguardano la sicurezza sul lavoro.

La scrivania è il mobile che oltre alla sedia ha il potere di conferirci maggiore comodità, ma deve avere delle caratteristi che ben precise per  fare in modo di assicurarci benessere.

 

Profondità

La prima caratteristica che bisogna tenere in considerazione è la profondità che deve rientrare nei 50/60 cm, questo perché bisogna tenere conto dell’ingombro del pc e della sua tastiera, i porta documenti, il telefono e soprattutto è la distanza corretta per la nostra vista.

Colore

Il colore è un elemento molto importante quando si parla di ufficio, solitamente si tende a scegliere colori troppo scuri o chiari, questo per un fattore di estetica, ma non c’è nulla di più sbagliato, ti spiego perché.

Un colore chiaro riflette la luce, creando fastidiosi bagliori che non permettono un adeguato svolgimento delle mansioni.

Un colore troppo scuro al contrario, assorbe il colore, appesantendo la vista e affaticandola inutilmente.

I colori che sono maggiormente consigliati sono quelli neutri, dal bianco sporco al marrone, beige e tortora.

Arredamento per ufficio, scegli la sedia giusta

Arrivati a questo punto dell’articolo è necessario parlare del secondo elemento più importante quando si parla di arredo da ufficio: la sedia.

La sedia è l’elemento che ci accompagna durante la nostra giornata e oltre ad essere comoda deve essere ergonomica.

Cosa vuol dire ergonomia?

L’ergonomia è quella soluzione ideale quando si sceglie una seduta uguale a tutti, in quanto si ha la possibilità di modificarne la struttura come meglio si crede in base alla propria fisonomia.

Anche in questo caso per far si che una sedia ergonomica vada bene deve rispettare determinate qualità che sono:

  • Lo schienale regolabile in altezza, in modo da poterlo alzare e abbassare a seconda della propria altezza;
  • i braccioli regolabili, in modo da poter avere un buon appoggio alle braccia;
  • Regolabile in altezza, tutta la seduta deve essere in grado di adattarsi alle diverse altezze dei lavoratori;
  • Deve possedere le rotelle in modo da potersi spostare da una parte all’altra della scrivania senza dover far sforzi inutili.